Milano ha bisogno del perdono

dopo l’oscuro contagio ripartiamo dai testimoni