Dicono di noi

I messaggi dei nostri pazienti e delle loro famiglie rendono il senso del nostro lavoro. Le lettere e le eventuali immagini sono pubblicate solo dopo autorizzazione scritta dell'autore.

VINCENZO

Nel triste momento della dipartita di mio padre, Vincenzo Mastropasqua, desidero ringraziare di cuore la Fondazione Maddalena Grassi, che per quasi quattro anni ci ha sostenuto in quel gravoso compito che è assistere un anziano allettato. Grazie, non solo alle eccezionali Stefania e Marina, ma anche ai coordinatori e a tutto lo staff di via Bordighera, persone che hanno sempre reso piacevole e famigliare il rapporto di collaborazione. 

Cordiali saluti.
Sandro Mastropasqua

Un grazie all'equipe Medico sanitaria


 Scarica l'articolo

ROSA

Buongiorno,
mi chiamo Rosa Moggi e qualche giorno fa mi sono recata presso il vostro ufficio a Milano. Ho trovato subito un' ottima accoglienza e un grandissimo aiuto dalle persone presenti per risolvere un problema per la mia mamma. In particolare sono stata seguita dalla Sig.ra Maria Luigia, che ci legge in copia, che è stata molto disponibile e nel giro di pochissimo sono riuscita a trovare, per la mia mamma, un' ottima soluzione. Il problema per noi cittadini "medi" è che non siamo in grado di muoverci adeguatamente nello strano mondo della Sanità e purtroppo, a volte, non sappiamo come fare per ricevere l'assistenza giusta che spesso ci è anche dovuta. Ringrazio ancora tantissimo Maria Luigia e tutta la vostra organizzazione. Grazie grazie 1000. Buon lavoro 

Saluti
Rosa Moggi

SVEVA

Carissime,
io e Luca ci sentiamo di ringraziarvi per tutto quello che avete fatto per Sveva. Grazie per la grande professionalità che sarebbe niente se non affiancata alla grande umanità. Siete entrate con tanto rispetto nella nostra casa, ci avete compreso, confortato, supportato, incoraggiato risolvendoci tanti problemi quotidiani. La tranquillità che ci avete trasmesso ci ha permesso di portare avanti la nostra famiglia, di dedicare tempo a Matilde, sapendo che Sveva era in buone mani. Molte di voi sono ragazze giovani che svolgono il lavoro con tanta passione, lo stessa che auguro a Matilde in un futuro, una passione che diventi il suo lavoro. Siete diventate un pezzettino della nostra famiglia, e come vi ho già scritto Matilde vi aspetta con entusiasmo per una merenda insieme. 

Grazie, con affetto.
Tiziana e Luca

PAOLA

Buona sera a tutti eccomi qua a scrivervi ancora una volta papà si spento mercoledì sera e grazie a Voi serenamente nel suo letto accanto alla mia mamma .. Si dico grazie a voi perché con il vostro appoggio siamo riuscite a realizzare il desiderio di papà ESSERE A CASA Un ringraziamento speciale va alla mia Gigia che voi conoscete come Luigia una persona splendida, che conosce l'animo umano fino nelle sue viscere e che sa accompagnare la famiglia nell'ultimo viaggio del suo caro. Non vi dimenticherò mai continuate a lavorare così perché il malato e la sua famiglia hanno bisogno di avere il supporto che abbiamo avuto noi ..non solo materiale che quello si può avere da chiunque ma quello umano che io ho incontrato nei miei angeli della maddalena Grassi .. A partire dal gigante buono Piero, sempre pronto a un sorriso o solo anche ad accontentare la mia mamma al riservato fisioterapista Renato grande persona per me e soprattutto per il mio papà che l ultimo giorno di vita lo ha incontrato, gli ha sorriso, ha fatto 15 passi e poi con i suoi occhi stanchi, gli ha detto adesso "non rompere più". All'infermiera Super sprint Simona che gli venivano le lacrime agli occhi quando doveva bucare papà per un prelievo .. Alla vulcanica Annalisa, che mercoledì pur rendendosi conto che era arrivata la fine gli ha fatto un bagno con i fiocchi . Ad Annamaria che cogliendo le sfumature ha usato sempre le parole giuste al momento giusto Al dott. Magni che conosce il segreto per dire ciò che nessuno vuole sentirsi dire . Ad Olga che dietro le quinte sempre riuscita ad accontentarmi . Alla mia Gigia che riuscita con piccole bugie bianche a far si che l'attesa della morte del mio papà divenisse un momento da accogliere e non rifiutare. Mi sono resa conto solo ora quanto la vostra presenza ha fatto si che ogni giorno che passavo con il mio papà non era un giorno rubato alla morte ma un giorno donato alla vita 

Grazie
Paola

CRISTINA

ciao Erica,
ti giro qualche foto di Andrea e una piccola lettera che ti prego di girare alla fondazione come ringraziamento per il sostegno che abbiamo avuto in tutto il periodo trascorso insieme con la vostra splendida assistenza. Mi piacerebbe che anche altri potessero conoscere tutto il bene che portate nelle case dei malati e dei suoi familiari. Il periodo che ci ha fatto conoscere è stato lungo ed intenso ma ora, anche grazie a voi ed al vostro sostegno, Andrea sta migliorando di giorno in giorno e presto sarà un ricordo. Sembra solo ieri il giorno che sei entrata nella nostra vita: Erica, il tuo sorriso, la tua professionalità ed un abbraccio di conforto nei momenti difficili, una parola sempre pronta nel momento del bisogno. Ricordo anche il nostro saluto, ormai eri come una di famiglia, e nonostante sentissi che era il momento di chiudere l'assistenza per dare spazio a chi ne aveva bisogno, qualche lacrima mi ha bagnato il viso. Ricordo il giorno che è arrivato anche Stefano, Elisa e Marco, i nostri fisioterapisti: uno più bravo dell'altro. Le numerose mattine e pomeriggi passati a "giocare" con Andrea, i suoi primi miglioramenti: la prima volta che è riuscito a stare seduto, la prima volta che si capovolto ed i suoi primi passi. Oggi Andrea corre con la manina e cammina da solo anche se ancora ha un equilibrio non proprio perfetto ma ogni giorno acquista maggior sicurezza e mi aspetto nel giro di poco tempo che abbia un equilibrio perfetto. E poi Giovanna, una donna, un sorriso: una dolcissima educatrice che, seppur per poco tempo, ci ha aiutato. Non auguro a nessuno di passare quello che ci ha travolto ma, se proprio dovesse succedere, conoscere voi ed avere la possibilità di avere la vostra assistenza è la cosa migliore che possa capitare. Un grazie speciale a tutti con il cuore: anche a chi coordina il tutto come la splendida Katia. Non dimentico che si è fatta in quattro che aiutarci ed il tanto lavorar per le cure fuori sede durante le vacanze. Grazie infinite a tutti 

Un abbraccio forte forte
Cristina e famiglia

GIULIANA

Voglio raccontarvi una storia, una storia vera, dove non c’è un lieto fine, ma una trama fatta d’amore, di incontri importanti che hanno arricchito e reso forti tutti noi che l’abbiamo vissuta. Io sono Giuliana, ho due figlie: Giovanna e Chiara. Giovanna ha una bimba di 8 mesi: Nina; Chiara aspetta Amanda che nascerà fra 2 mesi. Sarebbe tutto perfetto se nel frattempo Mario, mio marito, non fosse stato colpito da un … La nostra famiglia “ del Mulino Bianco”, come ci chiamavano degli amici, era stata attaccata da un mostro. I mostri non vincono se non ci si lascia sopraffare. Bisogna lottare, crederci, amare e, soprattutto, trovare dei degni alleati in questa lotta che non da tregua. Mario sapeva, era preparato, ed era lui a darci coraggio. Chiedeva solo due cose: rimanere nella sua casa e non subire le troppe umiliazioni di un invalido. Ce l’abbiamo fatta! Certo non da sole, sarebbe stato impossibile, ma i nostri alleati Angela e Edoardo erano potenti, sapevano combattere con armi invincibili ed erano al nostro fianco. Come ho detto all’inizio la storia non ha un lieto fine. Mario ci ha lasciato, ma ci ha lasciato in modo sereno, a casa sua, con la sua famiglia vicino ed Angela e Edoardo che lui aspettava sempre con affetto e ai quali si affidava con tanta fiducia, l’hanno accompagnato in questo lungo percorso avvicinandosi in punta di piedi, per diventare alla fine parte integrante della nostra famiglia. Sono stati indispensabili, erano la nostra sicurezza, un faro nella notte della disperazione. Di questa storia non mi rimane solo il dolore della perdita e il grande amore delle mie figlie per il loro papà, ma ho anche imparato una cosa importante: l’amore, la collaborazione e la professionalità possono trasformare un percorso in salita, pieno di insidie, in un sentiero dolce e in discesa che ti porta alla meta senza paura. Io e le mie figlie non avremo mai parole sufficienti per ringraziare Angela e Edoardo, ma avremo sempre parole per raccontare a tutti quanto siano stati importanti, anzi indispensabili. A tutti i medici, a tutti gli amici, a tutte le persone che devono affrontare il nostro percorso, ripeteremo, sempre, questo: “ La Fondazione Maddalena Grassi ha creato una struttura impareggiabile, fondamentale, insostituibile per aiutare e accompagnare i malati terminali. Rivolgetevi alla Fondazione per un aiuto concreto e fondamentale. Aiutatela a portare avanti questo incredibile progetto, se potete”. Grazie per avermi ascoltato e spero, nel mio piccolo, di aver contribuito a far crescere questo progetto. 

Giuliana Donati in Sodano

PASQUINA

Buongiorno Maria Luigia, scrivo a nome di mia mamma Guerra Pasquina per ringraziare il Sig. Renato per la sua professionalità e umanità che dimostrato e per quanto ha fatto per la mamma , tengo quindi a ringraziare lui e lei disponibile ad ogni mia esigenza. Vi ringrazio tutti e mi raccomando non perdete Renato perché è un grande. 

Un cordiale saluto e un abbraccio.

MARINELLA

15/06/2012 due parole per la fondazione Qualche anno fa sono stata "affidata" alla Fondazione Maddalena Grassi. Non mi aspettavo niente di diverso dalle numerose fondazioni e cooperative che mi avevano avuto in carico negli anni precedenti. mi sbagliavo. dopo poco mi resi conto di essere, per la prima volta,veramente seguita. Se avevo bisogno di qualche momento di assistenza particolare, bastava telefonare perché la coordinatrice Maria Luisa si facesse in quattro per risolvere problema, grande professionalità. con Annamaria, psicologa, ho fatto un percorso importante ,non solo attraverso i miei problemi ,ma anche attraverso i miei interessi,un ora di benessere è quella che trascorro con Annamaria. con il fisioterapista Renato non facciamo solo fisioterapia:parliamo e facciamo discorsi sui massimi sistemi ( i valori fondamentali della vita ) come è possibile trattare tali argomenti con una persona che non può parlare? non so, ma forse,con alcune persone ,è possibile credo che la forza dell’assistenza domiciliare (quando viene effettuata in modo corretto) sia proprio questa: sentirsi seguiti, capiti, rispettati, considerati e perché no? amati a casa propria.

CESARE

Gentili Signore, scrivo in nome e per conto mio e di mia Suocera Migliore Margherita, nonchè della sua Badante, Nina Khalendheridze, per ringraziare la Sig.ra Simona Ricci per la professionalità e la grande umanità dimostrata nello svolgere il proprio lavoro di assistenza domiciliare a mia suocera non più autosufficiente. Il mio grazie va anche alla coordinatrice Sig.ra Magnaghi , sempre disponibile a rispondere alle nostre domande. 

Ringrazio anche la Vs organizzazione e porgo i miei più cordiali saluti ed auguri di buone feste,
Cesare Borghi

SONIA

Buongiorno a tutti, sono la mamma di Federico Gianni, un bimbo di 16 anni gravemente disabile. Sento l'esigenza di scrivere queste righe per esprimere il mio più sincero ringraziamento per il Vs. operato. Non ringrazierò mai abbastanza il caso che mi ha portato a bussare alla porta della Dr.ssa D'Amico della ASL di Corsico per chiedere informazioni in merito all'assistenza domiciliare. Da lì è iniziata la nostra collaborazione e Vi assicuro che per chi vive quotidianamente nella preoccupazione e nell'ansia per un proprio caro (specie se si tratta di un figlio) è una cosa importantissima sapere di poter contare sull'aiuto di persone sempre disponibili. Avrei tanto da scivere ma mi limito a ringraziare tutti ma in particolare le persone che con me condividono le problematiche del mio bimbo: la Sig.a Magnaghi sempre disponibile ad aiutare a trovare soluzioni per qialsiasi problema; una persona che credo si possa considerare un pilastro insostituibile nella Vs. organizzazione!!! Il fisioterapista Renato che puntualmente due volte la settimana viene per la fisioterapia a Federico e, in particolare, Simona la nostra splendida infermiera che ci aiuta e ci rassicura soprattutto quando io vado un po' nel panico (come capita). Sono queste figure che mi hanno dato più serenità e tranquillità nella gestione di mio figlio perchè so che, in caso di necessità, loro per noi ci saranno sempre!! Grazie di tutto a nome mio e di Federico e continuate nella Vs. missione, anche se a volte penso possa essere non facile: le famiglie come la nostra hanno bisogno di persone come Voi! 

Con immenso affetto,
Sonia

OMAR

“Nonostante la malattia mi abbia lasciato Solo Libera l’Anima, per me vale comunque la pena vivere e godere quel che mi resta, fino all’ultima goccia.” (tratto dal libro Solo Libera l’Anima) Prima di tutto desidero ringraziare profondamente S.E. Cardinale Carlo Maria Martini “Grande Anima” per la sua ferma volontà di “mettere le ali” alla biografia di un “quasi nessuno”. Negli ultimi tre anni ho avuto la fortuna di costruire con Lui un rapporto privilegiato che mi piace definire di “Profonda e Affettuosa Condivisione” nella malattia e non solo, con numerose dimostrazioni pubbliche e soprattutto private. Il Nostro legame si comprende chiaramente da questo scampolo della prefazione del Nostro libro “Solo Libera l’Anima “Questo libro è una tappa significativa del suo percorso di vita così ripido e arduo: non posso sottrarmi alla prefazione per il grande legame affettivo creatosi in questi anni con lui, nonostante da molto tempo mi rifiuti di scrivere prefazioni” Purtroppo Lui ci ha lasciati troppo presto ed è per me motivo di tristezza non aver potuto condividere questo momento così bello e così importante.

FEDERICO

Buongiorno Maria Luigia, ho saputo da Cristian che potremo avvalerci del suo validissimo aiuto per il terzo mese consecutivo, tengo quindi a ringraziare te e tutta la tua struttura per questo aiuto che in un momento di difficoltà risulta per noi assai prezioso. Credimi che per tutti noi ma soprattutto per Federico, che ormai ha sviluppato un'ottima familiarità con Cristian il potere avere questo supporto è grande cosa. Non mi resta quindi che rinnovare i miei ringraziamenti a te, a Simona ed al mitico Cristian che seppur in forme e modi differenti ci siete stati preziosi. Concludo invitandoti ad aprire il file allegato per dare parola al pensiero del piccolo Federico ! 

Un abbraccio
Federico, Vittoria e Umberto

ABRAMINA

A causa della malattia della mia mamma, Semini Giovanna, ho avuto l'occasione di contattare, su suggerimento della Signora Marisa Battaglia, del Servizio SS Fragilità e Cure Domestiche, di Viale Zara, la Vostra Fondazione. Oggi, che la mia mamma è scomparsa, non posso non scrivervi per manifestare tutta la mia gratitudine per quanto ha fatto il Vs. personale sanitario, alleviando il suo dolore e la sua sofferenza. La perizia, la disponibilità, la chiarezza della Dott.sa Angela Molino e del Sig. Edoardo Rossetti sono difficilmente circoscrivibili a parole, perchè la loro attenzione e il loro operato hanno avuto sfumature esprimibili appieno forse solo con la raccolta dettagliata dei loro numerosi e tempestivi interventi, caratterizzati da elevata professionalità e da squisita umanità. 

Rinnovando i più sentiti ringraziamenti, porgo i migliori saluti.
Abramina Belloni

FRANCA

Sono la figlia della Sig.ra Lorenzi Rosa Pierina una Vs. assistita purtroppo deceduta circa 3 settimane fa. Volevo ringraziarvi anche a nome di mio padre per la grande professionalità che tutto lo staff che curava mia madre ha sempre dimostrato nei suoi e noi nostri confronti; veramente abbiamo trovate persone veramente preparate sia dal punto di vista medico che dal lato umano. Grazie di cuore e con l'occasione porgo i miei migliori auguri di Buon Natale e Felice Anno in modo particolare a Giusi, Isabella e Angela e a tutta l'associazione. 

Franca Barone

SETTEMBRE 2016

DONATA

Mia madre Giuliana è mancata il 9/9/2016; nei lunghi anni della sua malattia è stata assistita, negli orari di servizio domiciliare, dal sig. Alessandro Landolfi. Voglio ora esprimere al sig. Alessandro tutta la mia gratitudine per aver svolto la sua attività con professionalità, competenza, impegno e dedizione assolutamente eccezionali, dimostrando una passione ed un coinvolgimento emotivo fuori del comune. Quello che mi ha particolarmente colpito nel signor Alessandro è la sua grande umanità e disponibilità, che hanno contribuito ad alleviare la grande sofferenza di mia madre. 

Grazie!
Donata

LIVIA

lla c.a. signora Valeria Borsani
Desidero dirvi quanto apprezziamo la professionalità, l'efficienza e la grande affettuosa attenzione che da anni e in particolare negli ultimi tempi manifesta il vostro infermiere Luciano Romoli nei confronti di mia suocera, Livia Bellora, che ha ormai raggiunto la venerabile età di 103 anni. Rappresenta un importante punto di riferimento per noi che abbiamo a cuore il suo benessere. 

Grazie a tutti voi e cordiali saluti
Lettera firmata


PAOLA

Buongiorno, sono P., figlia di ME, una signora di 93 anni che è deceduta il giorno di Pasqua. Volevo ringraziare l’infermiere Domenico per la collaborazione, i suoi consigli professionali sono stati molto utili e ci hanno aiutato nell’accompagnare la mamma in questa ultima fase di vita. Volevo esprimere anche il mio ringraziamento alla dott.ssa Angela Molino che durante la visita medica a domicilio ci ha fornito preziose indicazioni per poterla curare a casa come desiderio della mamma. 

Grazie ancora e buon lavoro a tutti voi
Lettera firmata

2 LUGLIO 2017

GIOIA

Vorrei esprimere la mia gratitudine per avervi conosciuto, e già salvato due volte la mia mamma di 95 anni. Con tante polmoniti alle spalle. Quando arriva Edoardo Rossetti è una grande festa per noi! La sua positività, la sua grazia nel parlare, è un dono. Sono certa che vale molto di più una carezza, un ascolto con il cuore, che una medicina!  

Un abbraccio anche si fà caldo.
LETTERA FIRMATA

MARIA

"Buongiorno, volevo ringraziare tutti quanti per aver accompagnato mia mamma nell'ultimo viaggio ; grazie per la passione e l'amore che mettete nel vostro lavoro. Siete delle persone straordinarie, nella sfortuna abbiamo avuto la fortuna di finire nella struttura dove lavorate. Conserverò un bel ricordo di voi tutti e vi porterò nel cuore. Volevo fare una menzione particolare per : Marialuigia Barbara Luciano Antonino Manuela Greice Prima che infermiere e oss siete state delle persone. Mia madre vi adorava e amava e vi porterò sempre nel cuore. Vi faccio un enorme "in bocca al lupo" per il lavoro e la vita privata. Vorrei abbracciarvi forte uno per uno ma purtroppo non è possibile. Grazie per avermi sempre sostenuto e confortato. Siete un gruppo straordinario, continuate così. 

Con affetto" 
Il figlio

30 MAGGIO 2018

ANNA


 Scarica l'articolo
2 AGOSTO 2018

HOSPICE

Buongiorno Giovedì scorso si è spenta la mia mamma presso il vostro Hospice (Ospedale Sacco Milano). E’ un momento difficile per noi, stiamo cercando di affrontare al meglio questa nuova fase, trattenendo I ricordi e gli insegnamenti di una persona per noi speciale. Volevo però testimoniarle la straordinaria professionalità di tutto il personale della struttura che ha accolto mia mamma in questa fase della sua vita. La Dottoressa Damiani è stata per noi un punto di riferimento importante, e le siamo grati per la comprensione umana che ci ha dimostrato. Ciascuno degli infermieri che abbiamo avuto modo di conoscere e che con affetto hanno interagito con “l’Annie” sono dei professionisti unici – un sorriso costante che riaccendeva il nostro cuore pieno di dispiacere. Siatene fieri ! Un pensiero particolare va al Dottor Croci, perché raramente ci è capitato di conoscere una persona della sua caratura umana e professionale. Sosterremo ogni anno per sempre la Fondazione con il mio 5 x Mille e terremo sempre alte le antenne per aiutarvi nell’aiutare chi affronta l’ultima tappa della vita con dignità. 

Lettera firmata

2 OTTOBRE 2018

SERENA

Gent.ma D.ssa Aicardi, vorrei esprimere la mia gratitudine a tutti i componenti dello staff che ha fornito le cure palliative a mia moglie Serena Orlando deceduta pochi giorni fa. Negli ultimi due anni ho dovuto frequentare diverse strutture per le cure oncologiche di Serena e a volte ho trovato medici inadeguati a rapportarsi con pazienti con una patologia così grave. Nello staff della Fondazione ho trovato un altissimo livello sia di professionalità che di doti umane. Grazie a questi operatori la qualità della vita di Serena e mia in questi mesi è stata la migliore possibile, considerata la situazione. Tempo fa ho letto un motto che diceva: "C'è una grande differenza tra curare e prendersi cura". Posso testimoniare che lo staff della fondazione conosce esattamente questa differenza. Voglio ringraziare in modo particolare la Dottoressa Sironi e Tania Carta con le quali abbiamo avuto il rapporto più stretto. Serena aveva espresso il desiderio di non spendere soldi per inutili corone di fiori ma di devolvere i soldi a un'associazione di utilità pubblica, quindi ho segnalato la vostra Fondazione agli amici che desideravano onorare la sua volontà. Sentitevi liberi di rendere pubbliche queste mie righe se ne aveste la necessità. 

Un caro saluto.
Lettera Firmata

1 NOVEMBRE 2018

LR

Spett.le Direzione,
vi informo che ho espresso la mia riconoscenza ai reparti Oncologia ed Hospice per la significativa assistenza medico-sanitaria effettuata nei confronti della mia defunta sorella Giuliana che è stata curata con delicatezza, numerosissime premure, un sentito spirito umanitario e soprattutto trattata come Persona e non come un “numero” tra i tanti. Buon lavoro a Voi , per il servizio alla collettività; continuate a spendervi con generosità, professionalità, amore e umanità. 

Lettera Firmata

19 DICEMBRE 2018

PAPA' HA POTUTO TRASCORRERE GLI ULTIMI MESI DI VITA A CASA

Buonasera,
vi scrivo perché desidero ringraziare di cuore voi e tutti gli operatori della Fondazione per il lavoro che svolgete. Non potete immaginare quanto prezioso sia stato il vostro appoggio in questi ultimi mesi sia per il papà, sia per me nell'accompagnarlo in questo ultimo tratto della sua lunga esistenza. Dalla prima telefonata che ho fatto alla ricerca disperata, dopo mille tentativi falliti, per l’attivazione dell’ADI ho sentito un tono di voce e un’attenzione non comuni e non scontati , così come tutte le premure per riuscire a rispondere ai bisogni anche urgenti che si sono via via presentati. Il papà ha potuto trascorrere gli ultimi mesi di vita (a parte una breve parentesi di ospedale) nella sua casa e molto lo dobbiamo a voi. Un grazie poi particolare alla bravissima infermiera, la sig.ra Franca, al dott. Stangalini e al fisioterapista. L’augurio è che possiate continuare a svolgere con questo stile il vostro prezioso lavoro a servizio dei malati e delle loro famiglie. 

Cordiali saluti
Lettera Firmata

5 APRILE 2020

CARLO

Volevo ringraziare la Fondazione dell'ausilio dato al sollievo degli ultimi mesi di vita di mia zia. é stata assistita con particolare attenzione e cura (senza esagerare amore) da una gentile infermiera della Fondazione. ora vedo che vi regge anche una riferimento religioso. ignoro se la Signorina sia credente o meno ma la cura, cortesia, grazia nei gesti e nelle parole ne sono stati il segno evidente, comunque.  

Grazie.
Carlo

OTTOBRE 2020

MARA

Buongiorno,
sono la figlia di N.R. Mia madre ha avuto diagnosi di SLA a febbraio 2019 e fino alla data della sua morte, 14 luglio 2020, è stata seguita dalla vostra Fondazione. Scrivo per quanto riguarda il primo servizio attivato, quello della fisioterapia, tre volte la settimana, tramite il Sig. Renato Ferorelli. Renato, sin dal primo giorno, si è posto verso mia madre in modo comprensivo, "delicato" ed ha saputo approcciare con lei in modo adeguato ma anche onesto, senza mai celare le previsioni future ma al tempo stesso cercando di far vedere anche i lati positivi dell'esistenza di mia madre in mesi tanto complicati. Per quanto mi riguarda, ho apprezzato moltissimo il fatto di essere stata aggiornata, ragguagliata e preavvisata da Renato di ogni sviluppo, timore e previsione, a maggior ragione essendo figlia unica senza papà, deceduto poco tempo prima. Mi sento di nominare anche la Sig.ra Stefania Grassi, subentrata successivamente per il supporto personale, i consigli, la compagnia, la ringrazio di cuore per le visite fatte a mia madre ed anche per le telefonate intrattenute con me, la sua testimonianza come figlia di donna mancata per SLA è stata importante, sotto vari aspetti, e ricordo anche l'infermiera Simona che a sua volta si è sempre presentata a casa di mia madre con il sorriso. Avrei voluto mandare questa mail molto prima ma lo faccio ora sperando che le persone che ci hanno sostenute possano in qualche modo beneficiare della segnalazione che faccio, e comunque ringrazio, anche a nome di mia madre, la Fondazione tutta. La SLA, ed altre malattie simili, sono troppo "cattive" sulla persona, spererei quindi di non incontrare mai più nella vita situazioni simili, vicine o lontane, ma in caso non mancherò di parlare solo bene del vostro operato e personale. Nel nostro paese si tende sempre a lamentarsi per i mancati servizi e la sanità carente, nella grave esperienza vissuta da mia madre abbiamo riscontrato, seppur con qualche "nodo" burocratico sempre da "sciogliere" che i servizi ci sono, la persona è tutelata, l'umanità degli operatori esiste, si tratta solo di "capire il meccanismo" ma anche di realizzare che si ottiene quando la gravità è seria ed effettiva, ognuno deve sempre fare la sua parte, umilmente, e poi chiedere.

Grazie,
lettera firmata